Notizie sicure dal Vava

ottobre 8, 2007

Febbre in Galleria

Filed under: Musica,Teatro — vavadixit @ 2:29 pm

Appuntamenti. Oggi, alle 13, all’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele, c’è stato lo showcase dello spettacolo “La febbre del sabato sera” che va in scena da domani sera allo Smeraldo a distanza di cinque anni dalla fortunatissima versione che fece registrare il record di tenitura con le sue 16 settimane consecutive di repliche presso il Teatro Nazionale di Milano. A dare voce e corpo al personaggio di Tony Manero è il Campione della prima edizione del programma TV “Ballando con le Stelle”, Simone Di Pasquale, che spesso seguiamo (?!) nelle sue numerose partecipazioni televisive.
Accanto a lui nel ruolo di Stephanie Mangano l’affascinante attrice Hoara Borselli che, come “stella” in coppia con il maestro Simone Di Pasquale, vinse la prima edizione del programma Rai.
Tony E ancora la splendida Samanta Togni (partner prima di Fabrizio Frizzi e nell’ultima edizione del programma), la deliziosa Claudia Nicolussi (che ha ballato con Fabio Fulco) e Lucio Cocchi che ha partecipato anche come giudice di “Ballando con Te”. Nei panni di DJ Monty, un vulcanico Stefano Masciarelli canta, balla e coinvolge con la sua verve trascinante il pubblico di tutte le età.

Il nostro passante preferito, cultore di questo genere, assiste interessato alla presentazione con i suoi pantaloni a zampa d’elefante.

Annunci

settembre 27, 2007

Sandra Lonardo Mastella

Politici. Sandra Lonardo Mastella nasce a Ceppaloni dove trascorre gli anni dell’infanzia e della preadolescenza, frequenta la parrocchia e l’Associazione “Le Figlie di Maria”. All’età di 12 anni si trasferisce con la famiglia in America, ad Oyster Bay, New York. Nell’anno 1975 sposa Clemente Mastella e nascono due figli, Pellegrino ed Elio. Accanto a Clemente, cresce l’amore per la politica e si approfondiscono i sentimenti di solidarietà verso il prossimo.

Oggi il prossimo verso il quale è solidale la nostra Sandra è il marito Clemente. In un’intervista sul Corriere della Sera la signora Lonardo dichiara in lacrime:

E’ un reato usufruire di un aereo di Stato per un dovere istituzionale così come fa Rutelli?

Scusi, signora, ma anche il caro figlio era su quell’aereo per un dovere istituzionale?

Comprare una casa con soldi e mutuo propri usufruendo delle leggi che consentono di riscattare una casa è un reato?

Da un articolo de L’Espresso leggo che il figlio Pellegrino ha acquistato due appartamenti in centro a Roma: 4,5 vani per 175 mila euro e altri 6 vani per 300 mila euro. L’altro figlio Elio ha acquistato nello stesso stabile 5,5 vani per soli 200 mila euro e un miniappartamento con ingresso, camera, bagno e terrazza a livello per 67.500 euro. Ma come hanno determinato i prezzi? Neanche a Quarto Oggiaro gli appartamenti costano così poco. C’è di più, le case sono state acquistate grazie a dei mutui concessi da San Paolo e BNL. I figli dovranno pagare una rata mensile di 6.430 euro. Cosa? 6.430 euro di mutuo al mese? Ma che garanzie hanno dato i due figli?

E’ un reato se io e Clemente siamo stati democraticamente eletti ai nostri incarichi?

Dal libro La Casta leggo come il caro marito è stato eletto deputato nelle file della DC. Quando lavorava in RAI, assunto su “raccomandazione” di Ciriaco De Mita, chiedeva, testuali parole, “ai centralinisti di telefonare nei comuni del mio collegio elettorale. Mi facevo introdurre come direttore della Rai e segnalavo questo nostro bravo giovane da votare: Clemente Mastella. Funzionò”.

Si attacca Mastella che in vita sua non ha mai avuto una condanna. Dico una. Si ascolta Grillo che invece, mi si corregga se sbaglio, le sue condanne le ha avute. Non per cosette lievi, mi pare…

Clemente non avrà mai avuto una condanna ma:

  • Ha un avviso di garanzia per concorso in bancarotta fraudolenta per il fallimento del Napoli Calcio.
  • Assieme a Salvatore Cuffaro, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa, è stato compare d’anello di Francesco Campanella, ex-presidente del consiglio comunale di Villabate e condannato per mafia.

Viva l’Italia, tanto siamo campioni del mondo.

settembre 18, 2007

I soldi

Filed under: Gossip,Società e costume,Teatro — vavadixit @ 2:25 pm

PavarottiPettegolezzi. Avevamo già parlato dell’Amore di Nicoletta Mantovani per Luciano Pavarotti. Oggi parliamo di soldi.

Da un primo testamento, verbalizzato il 13 giugno, Pavarotti dispone che alla moglie Nicoletta vada il 50% del patrimonio e che la restante metà venga divisa fra le quattro figlie. Il patrimonio stimato del Maestro è di circa 30 milioni di euro e quindi a Nicoletta spetterebbero 15 milioni di euro mentre a ciascuna delle figlie 3.75 milioni di euro.

Ora spunta un secondo testamento, del 29 luglio, in cui dal patrimonio vengono sfilati con artifizi legali ben 15 milioni di euro che vanno ad esclusivo beneficio di Nicoletta Mantovani. In base a quest’ultima disposizione le figlie vedono ridursi la loro fetta a meno di due milioni di euro mentre l’ultima moglie incrementa il bottino che raggiunge la ragguardevole cifra di 22 milioni e mezzo di euro.

Fabrizio Corsini, l’avvocato delle figlie, commenta così la notizia: “Quanto meno, ci coglie di sorpresa. Noi eravamo rimasti al testamento del 13 giugno consapevoli che quella era la volontà del padre. Ora la vicenda assume contorni diversi. Vogliamo verificare bene i documenti: la data del “trust”, il testamento pesarese. Poi chiederemo una stima del patrimonio. Di tutto il patrimonio. Anche di quello americano. Poi valuteremo. Certo, se dovesse emergere, come appare, un danno grave all’eredità nel suo complesso, per altro già penalizzata da liquidazioni societarie e altre operazioni, si ragionerà sui passi da intraprendere per far valere i diritti delle tre figlie. Senza polemiche e non ora. Lei non ci crederà, ma le figlie di Pavarotti, non hanno fretta. Non mi chiedono di conoscere testamenti o altro. Sono a casa, ancora in lutto. Il tempo per i conti verrà poi“.

Ah, i soldi!

settembre 12, 2007

L’amore

Filed under: Gossip,Società e costume,Teatro — vavadixit @ 12:02 pm

Nicoletta MantovaniPettegolezzi. Quando una donna di 33 anni sposa un uomo ciccione di 68 anni sorge spontanea la domanda: “ma cosa avrà di speciale questo ciccione?”. Generalmente la risposta è: “i soldi”.

Ovviamente queste insinuazioni non si possono fare quando lo sposo di turno è Luciano Pavarotti e la giovane moglie è la sua ex-assistente Nicoletta Mantovani che sono convolati a giuste nozze nel 2003.

Adesso però una coppia amica di vecchia data di Big Luciano spiffera tutto a La Stampa.

Sto malissimo. In questi ultimi anni Nicoletta mi sta tormentando, mi fa vivere da solo, sono isolato, i miei amici non mi vengono a trovare, parla male delle mie figlie, mi circonda di persone che non mi piacciono

Pensa sempre ai soldi, arriva con documenti da farmi firmare. Minaccia di non farmi vedere Alice, mi fa delle scenate

Eh, l’amore.

Blog su WordPress.com.