Notizie sicure dal Vava

novembre 8, 2006

Cifratura

Filed under: Senza categoria — vavadixit @ 1:56 pm

Bergamo_1 Codici segreti. Nella seconda guerra mondiale i tedeschi usarono enigma per cifrare i propri messaggi mentre gli americani fecero uso dei cosidetti code talker, gli indiani navajo, che semplicemente parlavano nella loro lingua assolutamente incomprensibile agli altri.
Le macchine cifranti italiane non erano complesse come enigma e difatti vennero decifrate immediatamente.

Visto che gli indiani navajo sono ormai in via di estinzione, confinati nelle loro riserve, si consiglia di utilizzare dei code talker bergamaschi.

E’ aperta una gara per la traduzione dei seguenti messaggi segreti:

  1. L’öle l’è lé, l’ula l’è là. Ol löm gh’l’al lé lü?
  2. N’if gna’ ü gna’ u? A gh’n’o gna’ ü gna’ a’ mé.
  3. U, u if? A ó a öa. E u? A ó a ì.
  4. Ai a’ u a èt i ae ie?
Annunci

3 commenti »

  1. La prima significa senz’altro:
    “La morale è sempre quella fai merenda con girella”

    La seconda:
    “Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un’ampia costiera dall’altra parte”

    La terza:
    “Compagne roditrici remar per me è così son dolce e delicata e mangio un biancorì”

    E infine ho un dubbio sulla quarta… potrebbe essere:
    “Amico Uligano coi capelli un po’ corti così uomo e così bambino”
    oppure
    “Mare profumo di mare con l’amore io voglio giocare”

    Commento di piccoloj — novembre 9, 2006 @ 2:09 pm | Rispondi

  2. Alla prima ci arrivo: “Ossia: L’olio è lì, l’ampolla è là. Il lume ce l’ha lì lei?”
    Per le altre serve proprio un interprete madrelingua.
    A proposito di code talker, vorrei dare il mio contrivuto: durante la guerra con i giapponesi, l’esercito cinese usava i nativi della provincia dello Zhejiang (浙江), noti per parlare un dialetto totalmente incomprensibile a chiunque non fosse originario della loro zona.

    Commento di itariajin — novembre 10, 2006 @ 3:22 am | Rispondi

  3. Signori è ufficiale: itariajin vince il premio per aver tradotto correttamente la prima frase. A onor di cronaca devo aggiungere che piccoloj sostiene che ciò sia dovuto alle sue frequentazioni con bergamaschi.

    Traduzione delle altre frasi:

    2. N’if gna’ ü gna’ u? A gh’n’o gna’ ü gna’ a’ mé.
    Lett: Non ne avete neanche uno neanche voi? Non ne ho neanche uno neanche io.
    Italiano: Anche voi siete senza soldi? Anch’io non ne ho.

    3. U, u if? A ó a öa. E u? A ó a ì.
    Lett: Voi dove andate? Vado a uva. E voi? Vado a vino.
    Italiano: Voi dove andate? Vado a raccogliere l’uva. E voi? Vado a bere vino.

    4. Ai a’ u a èt i ae ie?
    Andate anche voi a vedere le api vive?

    Commento di vava — novembre 11, 2006 @ 12:56 pm | Rispondi


RSS feed for comments on this post.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: